improve productivity

5 sciocchi errori che stanno rovinando la tua produttività

Spencer Coon
mar 08, 2017

Ho scaricato il mio ottavo o nono “strumento per la produttività” e letto quello che potrebbe essere il millesimo articolo della settimana per essere più produttivi . Sicuramente mi ha aiutato a cambiare in meglio qualche abitudine. Ma dopo un po’ inizia a crescere una leggera sensazione di panico e, anche se so di essere molto occupato, non riesco portare a termine tutte le cose che vorrei.

In troppi stanno cadendo nella trappola dei fantomatici “segreti per la produttività”. Siamo abbastanza sicuri che, pur esistendo tanti consigli validi che potremmo imparare dai tanti top manager presenti in circolazione, ne stiamo probabilmente applicando altrettanti che non sono poi così utili in realtà. Basati su studi ed esperienze di persone qualificate, di seguito trovate i 5 miti per la produttività che continuiamo ad adottare e che in realtà ci allontanano sempre più dal portare a termine il lavoro e le attività che contano.

1. Non sfruttare al massimo i picchi di energia:

L’autore ed esperto del duro lavoro David Kadavy attribuisce la sua produttività perpetua al concepire i cicli di energia. È scientificamente provato che è meglio svolgere certe attività a specifici orari lungo il giorno. Secondo lo studio di un psicofisiologo, ci sentiamo stanchi la sera due volte al giorno (4:30pm e 11:30pm) mentre ogni 90 minuti durante la mattina. Siamo più produttivi in mezzo a questi cali di energia. Questa tesi supporta l’idea secondo la quale riusciamo meglio ad organizzare le nostre attività un po’ prima di sentirci energici e successivamente prendere un po’ di tempo per riposare aspettando il prossimo ciclo di produttività.

Di seguito spiegato come: durante le ore più instabili, fatte di sali e scendi energetici, concentratevi sulle attività più semplici e portatene a termine quante più attività potete con piccole pause di tanto in tanto. Quando vi sentite un po’ più energetici, programmate le attività che hanno bisogno di maggiore concentrazione. Non forzate il vostro corpo e la vostra mente cercando di mantenere alti i livelli di rendimento durante tutto il giorno, così da non esserne a corto durante la settimana.

2. Credere di essere multitasking:

Quando finalmente riesciamo a scrivere una lista delle cose da fare, è facile guardare compiti semplici e pensare “nessun problema, posso fare A mentre penso anche a B”. Purtroppo però (tornando alla scienza che c’è dietro) non è così che funziona il nostro cervello. A prescindere da quanto possa essere piccola la distrazione, il multitasking ed il permettere ad altre questioni di occupare anche una minima parte della tua energia e concentrazione che sei già impegnato ad utilizzare in altre faccende, farà solo decrementare vistosamente la qualità del tuo lavoro. Pensa a quando mandi un messaggio e guidi allo stesso tempo per esempio. Studi dimostrano che, mentre si è in auto, il semplice concentrarsi per inviare un banale messaggio, ha gli stessi effetti dell’alcol sulla guida. Anche quando sembra così semplice, il nostro cervello non è d’accordo con il multitasking.

3. Notifiche:

“Ricevere notifiche” non è sempre qualcosa di positivo. Per rimanere produttivi, non dovreste ricevere notifiche costantemente. Teoricamente, il poter essere sempre aggiornato su tutto quello che sta succedendo in tempo reale è fantastico. Ma, in pratica, è un incubo per la produttività. Ogni volta che ricevi una notifica il tuo focus viene inevitabilmente “danneggiato” e perderai quello stato di lavoro profondo (deep work) dove sei totalmente concentrato ed in grado di raggiungere progressi reali lavorando su un’attività. Infatti in media, un impiegato ha bisogno di 25 minuti per tornare all’attività iniziale dopo aver controllato una notifica. Bloccando notifiche e programmando orari per controllare stanze chat, nuovi siti ed il tuo telefono durante le pause, è molto meno faticoso che cercare di ri-concentrarsi dopo ciascuna micro pausa.

4. Email in generale:

Le email sono in generale una delle cose con cui dobbiamo fare i conti tutti i giorni. In questo momento in questo bar davanti a me, credo che almeno il 50% dei clienti stia controllando le loro mail. Sono ossessive e prosciugano la produttività. Un recente sondaggio rivela che in media i dipendenti spendono incredibilmente 6.3 ore al giorno controllando le mail. È persino peggio di quello che pensassimo. È più o meno un intero stipendio speso per controllare mail invece che per risolvere problemi e creare soluzioni. Non preoccuparti però, il mondo tech ha già preparato la sua vendetta per eliminare le mail definitivamente. Fortunatamente, ci sono nuove soluzioni facilmente implementabili sul luogo di lavoro come piattaforme chat o strumenti come SaneBox per aiutarti a mantenere in silenzioso le tue email e permetterti di rimanere concentrato sulle cose importanti.

5. Credere negli strumenti piuttosto che nel metodo:

Quanto piu le applicazioni promettono di aumentare la mia produttività, quanto meno motivato mi sento a consigliarle. Sono arrivato alla conclusione (insieme a tante altre) che non esiste un unico strumento che sia la chiave universale per mandare la mia produttività alle stelle. Riempire il mio computer di applicazioni non mi aiuterà se non viene stabilito in primo luogo un metodo personale che funziona. L’unico modo per cambiare le abitudini ed essere più produttivi è trovare un metodo che sia adatto a te e alla tua agenda. Probabilmente ricevere 25 notifiche ogni secondo da un’applicazione non è la cosa migliore per te, magari preferisci scrivere e prendere nota su tutto ciò che ti accade. Che sia la Pomodoro Technique o un “non mollare fino a che non è terminato” dev’essere qualcosa che ti motivi e che con il tempo possa trasformarsi in abitudine. Una volta trovato il metodo, puoi cercare ed aggiungere lo strumento giusto per te.

Se hai trovato ques’articolo utile, dai un’occhiata ad altri modi per incrementare la produttività tua e del tuo team. È la nostra passione.

Grazie per l’attenzione!

-Il Team di Hibox

Provalo gratuitamente e cambia il tuo modo di lavorare